IBIS. Base de datos del patrimonio bibliográfico de Patrimonio Nacional
Vista normal Vista MARC Vista ISBD

Frugone, Girolamo

Gioie catoliche / di Hieronimo Frugone dedicate all'Altezza Serenissima d'Alberto Archiduca d'Austria
Publicación: s. XVI (1599)Descripción: [2] h.+56 f.+[3] h. : papel ; 230x165 mmContenido:1.- f. 2r: [Dedicatoria] All'Altezza serenissima D'Alberto Arciduca D'Austria. 2.- f. 3r-5r: Al Sommo Pontifice della Catolica, Romana et Apostolica Chiesa N.S. Clemente Ottavo. vv. 1-2: Eletto, degno, sommo e santo Hume / Di nome, d'opre, e di pensiero santi. 3.- f. 5v: All'Invittissimo Imperatore Rodulfo Secondo. vv. 1-2: O Cesareo signor, base e sostegno / Del Roman scettro, e Imperial Diadema. 4.- f. 6r: Ai principi Christiani. vv. 1-2: Del Rè superno e prime, degne e grandi / Maestadi, splendor, forti e possenti. 5.- f. 6v: Alla Catolica Maestà di don Filippo Terzo, Rè di Spagna. vv. 1-2: Stavasi co là sù dove dispense / Gratie infinite, eccelso, almose possente. 6.- f. 7r-9v: All'Istessa maestà. vv. 1-2: Signor nel cui poter quel sommo, e vero / Monarca de Monarchi, e Rè de Regi. 7.- f. 10r-15r: Alla Catolica Maestà di Donna Margherita D'Austria Regina di Spagna. vv. 1-2: Serenissima diva dove splende / Dove soggiorna somma alta beltade. 8.- f. 15v: All'Altezza Serenissima di Donna Margherita Arciduche[ssa] D'Austria. vv. 1-2: Scelse Dio da l'Ocean di sue divine / Grandezze e gemme eccelsa Margherita. 9.- f. 16r: All'Altezza Serenissima D'Alberto Arciduca D'Austria. vv. 1-2: Al mondo alto stupor, gioia, e grandezza / Al cielo, e a Santa Chiesa unica a Christo. 10.- f. 16v-18r: All'Altezza Serenissima di Donna Isabella Chiara Eugenia d'Austria Infanta di Spagna. vv. 1-2: Gemma e perla splendente a que splendori / Del gran Monarca Christo, e alteri fregi. 11.- f. 18v: All'Altezza Serenissima di Carlo Emanuele Duca di Savoia, Principe di Piemonte. vv. 1-2: L'eccelsa di lui che l'ampia terra / Adornò tanto e die splendore al cielo. 12.- f. 19r-23r: Alla Medessima Altezza. vv. 1-2: Principe invitto da l'eccelsa mano / E onnipotente del tuo gran signore. 13.- f. 23v: All'Altezza Serenissima di Ranuccio Farnese Duca di Parma e Piacenza. vv. 1-2: Lucidissimo Raggio, e imagin vera / E chiara, e degna, e lucida, et ardente. 14.- f. 24r-26r: Alla Medessima Altezza. vv. 1-2: O del'alma fenice, unica, e santa / Chiesa che mai non hebbe un picciol neo. 15.- f. 26v: Al Serenissimo Filipo Emanuele di Savoia Principe di Piemonte. vv. 1-2: Principe il regio, e militare aspetto / proprio d'un Filiberto a tuoi maggiori. 16.- f. 27r: Alla Serenissima Donna margherita di Savoia Principessa di Piemonte. vv. 1-2: Bella sovra ogni, bel ch'orna, e colora / Beltà di Donna, Margherita, e stella. 17.- f. 27v: Ai Serenissimi principi di Savoia. vv. 1-2: O Rami d'alti Regi / O Giovanetti egregi. 18.- f. 28r: Alle Serenissime Principesse di Savoia. vv. 1-2: Dive l'altose celesti / E sempre unico sole. 19.- f. 28v: All'Illustrissimo et eccellentissimo signor Giovanni Velasco Gobernator di Milano, Condestable di Castilla. vv. 1-2: Signor che a Milan parti per l'Hispano / Invitto e giusto Rege, e pene, e premi. 20.- f. 29r: All'Illustrissima et eccellentissima signora donna Giovanna di Velasco Duchessa di Candia. vv. 1-2: Viva fiamma d'honor, candido tempio / Di quella Dea oer cui Lucretia e Roma. 21.- f. 29v: All'Illustrissima signora Placidia Spinola D'Oria. vv. 1-2: Placidi di pensier, d'alma, e di mente / Avida sempre del divin signore. 22.- f. 30r: All'Eccellentissima Donna Giovanna D'Oria Colonna, Principessa di Melfi. vv. 1-2: De la gran casa D'Oria alta Colonna / Del Romano splendor lucida stella. 23.- f. 30v: All'Illustrissima et Eccellentissima signora Donna Placidia D'Oria Spinola, Duchessa di Tursi. vv. 1-2: Placidi a Carlo Dori adunque il core / Han forza di legar giri lucenti. 24.- f. 31r: All'Illustrissima et Eccelentissima signora Donna Vittoria Gonzaga D'Oria, Principessa di Malfetta, signora di Guastalla. vv. 1-2: Quanto in amando unico amor s'appaga / Alma gentil, quanti bei lumi accensi. 25.- f. 31v: All'Illustrissima et Eccellentissima signoraDonna Artemisia D'Oria Duchessa di Candia. vv. 1-2: Sposa di duce valoroso, e degno / Degna del suon non di mia cetra humile. 26.- f. 32r: All'Illustrissime signore Bianca Imperiale, Vittoria et Ottava D'Oria Spinole. vv. 1-2: Poscia che in ciel cinto hebbe alti splendori / In queste d'alti heroi saggie sorelle. 27.- f. 32v: All'Illustrissima signora Leonora Spinola Grimalsa. vv. 1-2: O musa tù che già ti desti vanto / Di poggiare ogni altera alta salita. 28.- f. 33r: All'Illustrissima signora Christierna D'Oria Guasca Contessa del Maro. vv. 1-2: Voi belle che adornaste, e Cipro, e Delo / co tanto, e voi si caste antiche e sagge. 29.- f. 33v: All'Illustrissimo et Reverendissimo Monsignore Giulio Cesare Riccardi Arcivoscovo di Bari e Nuntio Apostolico presso l'Altezza Serenissima di Savoia. vv. 1-2: Diu'opre, alti pensier costumi santi / Sacro valor, valor altero e humile. 30.- f. 34r: All'Illustrissimo et Reverendissimo Monsignore Oratio Spinola vicelegate in Bologna. vv. 1-2: Lucida alteramente han fatto egregi / Campion di Marte l'honorata fronte. 31.- f. 34v: All'Illustrissimo et Eccellentissimo signor don Pietro Gonzalez di Mendoza Imbasciatore del Rè Catolico presso la Serenissima Republica di Genova e Comendator di Binasso. vv. 1-2: Non la bella Reina, e Dona altera / Del ligustico seno Imbasciadore. 32.- f. 35r: All'Illustrissimo et Eccellentissimo Signore don Pietro di Leva, consiglier di Stato di S. Maestà Catolica e Capitan Generale delle Galere di Sicilia. vv. 1-2: Di Rege invitto la cui giusta mano / Da legge a l'Ocean frena Indo e Ibero. 33.- f. 35v: All'Illustrissimo et Eccellentissimo signore don Ferranti Gonzaga principe di Malfetta. vv. 1-2: Splendor d'Illustre, antica stirpe e raggio / D'eletti Duci, di famosi Heroi. 34.- f. 36r: All'Illustrissimo et Eccellentissimo signore conte Teodoro Triultio. vv. 1-2: D'alto valor, di splendidezza adorno / Cinto d'ardenti alto disio d'honore. 35.- f. 36v: Alli molte Illustrissimi signori Leonardo, Carlo e Gioanettino Spinoli. vv. 1-2: Degni nipoti al D'Oria Illustre e alteri / Fregi d'honor de l'honorato Hido. 36.- f. 37r: Al Molto Illustre signore Giacomo D'Oria. vv. 1-2: D'Apollo risonar gli alborghi aurati / udio la Musa un giorno al Mondo industri. 37.- f. 37v: Al Molto Reverendissimo Padre don Angelo Grillo. vv. 1-2: Angel terreno che te'n poggi al chiaro / segno ove gionser [fort.] que' che tanto noma. 38.- f. 38r: Al Signor Federico dalla Valle. vv. 1-2: Valle ch'avanzi i piu superbi colli / D'Apollinei favor fra quanti ei miri. 39.- f. 38v-55r: Canto della Pace. f. 38v: Argomento: Ordina la pace all'Autore che scriva il canto suo: cio è un'oratione... vv. 1-2: Mentre si stava l'alma mia d'immenso / Diletto piena, e di supremo ardore. 40.- f. 55v: Sopra il Miracolo del Santissimo Sacramento seguito in Torino l'anno 1453 a 6 di guigno a hore 20. vv. 1-2: Fura, e chiude qual merce alto, e tremendo / Tesoro entro una balla un crudoscita. 41.- f. 56r: Sopra l'istesso. vv. 1-2: Barbaro, crudo, infido, avaro e insano / Che pensasti di fare oro et argento
Lengua:Italiano. Letra itálica
Íncipit:f. 3r, vv. 1-2: Eletto, degno, sommo e santo Hume
f. 5v, vv. 1-2: O Cesareo signor, base e sostegno
f. 6r, vv. 1-2: Del re superno e prime, degne e grandi
f. 6v, vv. 1-2: Stavasi co là sù dove dispensa
f. 7r, vv. 1-2: Signor nel cui poter quel sommo e vero
f. 10r, vv. 1-2: Serenissima diva dove splende
f. 15v, vv. 1-2: Scelse Dio da l'Ocean di sue divine
f. 16r, vv. 1-2: Al mondo alto stupor, gioia, e grandezza
f. 16v, vv. 1-2: Gemma e perla splendente a que splendori
f. 18v, vv. 1-2: L'eccelsa di lui che l'ampia terra
f. 19r, vv. 1-2: Principe invitto da l'eccelsa mano
f. 23v, vv. 1-2: Lucidissimo raggio, e imagin vera
f. 24r, vv. 1-2: O del'alma fenice, unica, e santa
f. 26v, vv. 1-2: Principe il regio, e militare aspetto
f. 27r, vv. 1-2: Bella sovra ogni, bel ch'orna e colora
f. 27v, vv. 1-2: O Rami d'alti regi
f. 28r, vv. 1-2: Dive l'altose celesti
f. 28v, vv. 1-2: Signor che a Milan parti per l'Hispano
f. 29r, vv. 1-2: Viva fiamma d'honor, candido tempio
f. 29v, vv. 1-2: Placida di pensier, d'alma, e di mente
f. 30r, vv. 1-2: De la gran casa D'Oria alta Colonna
f. 30v, vv. 1-2: Placidi a Carlo Dori adunque il core
f. 31r, vv. 1-2: Quanto in amando unico s'appaga
f. 31v, vv. 1-2: Sposa di duce valoroso, e degno
f. 32r, vv. 1-2: Poscia che in ciel cinto hebbe alti splendori
f. 32v, vv. 1-2: O musa tù che già ti desti vanto
f. 33r, vv. 1-2: Voi belle che adornaste, e Cipro, e Delo
f. 33v, vv. 1-2: Div'opre, alti pensier costumi santi
f. 34r, vv. 1-2: Lucida alteramente han fatto egregi
f. 34v, vv. 1-2: Non la bella Reina, e Donna altera
f. 35r, vv. 1-2: Di Rege invitto la cui giusta mano
f. 35v, vv. 1-2: Splendor d'Illustre, antica stirpe e raggio
f. 36r, vv. 1-2: D'alto valor, di splendidezza adorno
f. 36v, vv. 1-2: Degni nipoti al D'Oria Illustre e alteri
f. 37r, vv. 1-2: D'Apollo risonar gli alborghi aurati
f. 37v, vv. 1-2: Ángel terreno che te'n poggi al chiaro
f. 38r, vv. 1-2: Valle ch'avanzi i più superbi colli
f. 39r, vv. 1-2: Mentre si stava l'alma mia d'immenso
f. 55v, vv. 1-2: Fura e chiude qual merce alto e tremedo
f. 56r, vv. 1-2: Barbaro, crudo, infido, avaro e insano
Nota Fecha/Imprenta:f. 2v: In Genova al primo di febraro MDIC
Descripción Física:Foliación moderna a lápiz; en bl. f. 1v, 56v
Ilustración:Port. en capitales de distintos moldes en tinta negra y dorado y en minúsculas; debajo escudo del archiduque Alberto pintado a la acuarela y pan de oro
Materia(s): Género/Forma: Poesía italiana -- -s. XVITítulo alternativo:
  • Canto della Pace Sopra il Miracolo del santissimo sacramento seguito in Torino, 1453
Tipo de item Localización Colección Signatura Ejemplar Estado Notas Vencimiento Código de barras Posesor Encuadernador
Manuscritos Manuscritos PR Real Biblioteca
Manuscrito II/455 1 Disponible Enc. s. XIX en pasta goteada en verde del Taller de Juego de Pelota (1ª época, Carlos IV) ; lomera lisa con paletas doradas a modo de nervios ; en entrenervios, florones dorados y cifra real de Carlos IV: “IIII” ; doble tej. en tafilete rojo y verde: “FRU/ GONE. / GIOIE / CATHO / LICE" ; “M.S.”. Rueda dorada en cantos ; guardas al agua. Ex libris de Fernando VII con olim: IV-C-4. Olim: 2-C-5 1000869

1.- f. 2r: [Dedicatoria] All'Altezza serenissima D'Alberto Arciduca D'Austria. 2.- f. 3r-5r: Al Sommo Pontifice della Catolica, Romana et Apostolica Chiesa N.S. Clemente Ottavo. vv. 1-2: Eletto, degno, sommo e santo Hume / Di nome, d'opre, e di pensiero santi. 3.- f. 5v: All'Invittissimo Imperatore Rodulfo Secondo. vv. 1-2: O Cesareo signor, base e sostegno / Del Roman scettro, e Imperial Diadema. 4.- f. 6r: Ai principi Christiani. vv. 1-2: Del Rè superno e prime, degne e grandi / Maestadi, splendor, forti e possenti. 5.- f. 6v: Alla Catolica Maestà di don Filippo Terzo, Rè di Spagna. vv. 1-2: Stavasi co là sù dove dispense / Gratie infinite, eccelso, almose possente. 6.- f. 7r-9v: All'Istessa maestà. vv. 1-2: Signor nel cui poter quel sommo, e vero / Monarca de Monarchi, e Rè de Regi. 7.- f. 10r-15r: Alla Catolica Maestà di Donna Margherita D'Austria Regina di Spagna. vv. 1-2: Serenissima diva dove splende / Dove soggiorna somma alta beltade. 8.- f. 15v: All'Altezza Serenissima di Donna Margherita Arciduche[ssa] D'Austria. vv. 1-2: Scelse Dio da l'Ocean di sue divine / Grandezze e gemme eccelsa Margherita. 9.- f. 16r: All'Altezza Serenissima D'Alberto Arciduca D'Austria. vv. 1-2: Al mondo alto stupor, gioia, e grandezza / Al cielo, e a Santa Chiesa unica a Christo. 10.- f. 16v-18r: All'Altezza Serenissima di Donna Isabella Chiara Eugenia d'Austria Infanta di Spagna. vv. 1-2: Gemma e perla splendente a que splendori / Del gran Monarca Christo, e alteri fregi. 11.- f. 18v: All'Altezza Serenissima di Carlo Emanuele Duca di Savoia, Principe di Piemonte. vv. 1-2: L'eccelsa di lui che l'ampia terra / Adornò tanto e die splendore al cielo. 12.- f. 19r-23r: Alla Medessima Altezza. vv. 1-2: Principe invitto da l'eccelsa mano / E onnipotente del tuo gran signore. 13.- f. 23v: All'Altezza Serenissima di Ranuccio Farnese Duca di Parma e Piacenza. vv. 1-2: Lucidissimo Raggio, e imagin vera / E chiara, e degna, e lucida, et ardente. 14.- f. 24r-26r: Alla Medessima Altezza. vv. 1-2: O del'alma fenice, unica, e santa / Chiesa che mai non hebbe un picciol neo. 15.- f. 26v: Al Serenissimo Filipo Emanuele di Savoia Principe di Piemonte. vv. 1-2: Principe il regio, e militare aspetto / proprio d'un Filiberto a tuoi maggiori. 16.- f. 27r: Alla Serenissima Donna margherita di Savoia Principessa di Piemonte. vv. 1-2: Bella sovra ogni, bel ch'orna, e colora / Beltà di Donna, Margherita, e stella. 17.- f. 27v: Ai Serenissimi principi di Savoia. vv. 1-2: O Rami d'alti Regi / O Giovanetti egregi. 18.- f. 28r: Alle Serenissime Principesse di Savoia. vv. 1-2: Dive l'altose celesti / E sempre unico sole. 19.- f. 28v: All'Illustrissimo et eccellentissimo signor Giovanni Velasco Gobernator di Milano, Condestable di Castilla. vv. 1-2: Signor che a Milan parti per l'Hispano / Invitto e giusto Rege, e pene, e premi. 20.- f. 29r: All'Illustrissima et eccellentissima signora donna Giovanna di Velasco Duchessa di Candia. vv. 1-2: Viva fiamma d'honor, candido tempio / Di quella Dea oer cui Lucretia e Roma. 21.- f. 29v: All'Illustrissima signora Placidia Spinola D'Oria. vv. 1-2: Placidi di pensier, d'alma, e di mente / Avida sempre del divin signore. 22.- f. 30r: All'Eccellentissima Donna Giovanna D'Oria Colonna, Principessa di Melfi. vv. 1-2: De la gran casa D'Oria alta Colonna / Del Romano splendor lucida stella. 23.- f. 30v: All'Illustrissima et Eccellentissima signora Donna Placidia D'Oria Spinola, Duchessa di Tursi. vv. 1-2: Placidi a Carlo Dori adunque il core / Han forza di legar giri lucenti. 24.- f. 31r: All'Illustrissima et Eccelentissima signora Donna Vittoria Gonzaga D'Oria, Principessa di Malfetta, signora di Guastalla. vv. 1-2: Quanto in amando unico amor s'appaga / Alma gentil, quanti bei lumi accensi. 25.- f. 31v: All'Illustrissima et Eccellentissima signoraDonna Artemisia D'Oria Duchessa di Candia. vv. 1-2: Sposa di duce valoroso, e degno / Degna del suon non di mia cetra humile. 26.- f. 32r: All'Illustrissime signore Bianca Imperiale, Vittoria et Ottava D'Oria Spinole. vv. 1-2: Poscia che in ciel cinto hebbe alti splendori / In queste d'alti heroi saggie sorelle. 27.- f. 32v: All'Illustrissima signora Leonora Spinola Grimalsa. vv. 1-2: O musa tù che già ti desti vanto / Di poggiare ogni altera alta salita. 28.- f. 33r: All'Illustrissima signora Christierna D'Oria Guasca Contessa del Maro. vv. 1-2: Voi belle che adornaste, e Cipro, e Delo / co tanto, e voi si caste antiche e sagge. 29.- f. 33v: All'Illustrissimo et Reverendissimo Monsignore Giulio Cesare Riccardi Arcivoscovo di Bari e Nuntio Apostolico presso l'Altezza Serenissima di Savoia. vv. 1-2: Diu'opre, alti pensier costumi santi / Sacro valor, valor altero e humile. 30.- f. 34r: All'Illustrissimo et Reverendissimo Monsignore Oratio Spinola vicelegate in Bologna. vv. 1-2: Lucida alteramente han fatto egregi / Campion di Marte l'honorata fronte. 31.- f. 34v: All'Illustrissimo et Eccellentissimo signor don Pietro Gonzalez di Mendoza Imbasciatore del Rè Catolico presso la Serenissima Republica di Genova e Comendator di Binasso. vv. 1-2: Non la bella Reina, e Dona altera / Del ligustico seno Imbasciadore. 32.- f. 35r: All'Illustrissimo et Eccellentissimo Signore don Pietro di Leva, consiglier di Stato di S. Maestà Catolica e Capitan Generale delle Galere di Sicilia. vv. 1-2: Di Rege invitto la cui giusta mano / Da legge a l'Ocean frena Indo e Ibero. 33.- f. 35v: All'Illustrissimo et Eccellentissimo signore don Ferranti Gonzaga principe di Malfetta. vv. 1-2: Splendor d'Illustre, antica stirpe e raggio / D'eletti Duci, di famosi Heroi. 34.- f. 36r: All'Illustrissimo et Eccellentissimo signore conte Teodoro Triultio. vv. 1-2: D'alto valor, di splendidezza adorno / Cinto d'ardenti alto disio d'honore. 35.- f. 36v: Alli molte Illustrissimi signori Leonardo, Carlo e Gioanettino Spinoli. vv. 1-2: Degni nipoti al D'Oria Illustre e alteri / Fregi d'honor de l'honorato Hido. 36.- f. 37r: Al Molto Illustre signore Giacomo D'Oria. vv. 1-2: D'Apollo risonar gli alborghi aurati / udio la Musa un giorno al Mondo industri. 37.- f. 37v: Al Molto Reverendissimo Padre don Angelo Grillo. vv. 1-2: Angel terreno che te'n poggi al chiaro / segno ove gionser [fort.] que' che tanto noma. 38.- f. 38r: Al Signor Federico dalla Valle. vv. 1-2: Valle ch'avanzi i piu superbi colli / D'Apollinei favor fra quanti ei miri. 39.- f. 38v-55r: Canto della Pace. f. 38v: Argomento: Ordina la pace all'Autore che scriva il canto suo: cio è un'oratione... vv. 1-2: Mentre si stava l'alma mia d'immenso / Diletto piena, e di supremo ardore. 40.- f. 55v: Sopra il Miracolo del Santissimo Sacramento seguito in Torino l'anno 1453 a 6 di guigno a hore 20. vv. 1-2: Fura, e chiude qual merce alto, e tremendo / Tesoro entro una balla un crudoscita. 41.- f. 56r: Sopra l'istesso. vv. 1-2: Barbaro, crudo, infido, avaro e insano / Che pensasti di fare oro et argento

Italiano. Letra itálica

f. 3r, vv. 1-2: Eletto, degno, sommo e santo Hume 22263

f. 5v, vv. 1-2: O Cesareo signor, base e sostegno 22264

f. 6r, vv. 1-2: Del re superno e prime, degne e grandi 22265

f. 6v, vv. 1-2: Stavasi co là sù dove dispensa 22266

f. 7r, vv. 1-2: Signor nel cui poter quel sommo e vero 22267

f. 10r, vv. 1-2: Serenissima diva dove splende 22268

f. 15v, vv. 1-2: Scelse Dio da l'Ocean di sue divine 22269

f. 16r, vv. 1-2: Al mondo alto stupor, gioia, e grandezza 22270

f. 16v, vv. 1-2: Gemma e perla splendente a que splendori 22271

f. 18v, vv. 1-2: L'eccelsa di lui che l'ampia terra 22272

f. 19r, vv. 1-2: Principe invitto da l'eccelsa mano 22273

f. 23v, vv. 1-2: Lucidissimo raggio, e imagin vera 22274

f. 24r, vv. 1-2: O del'alma fenice, unica, e santa 22275

f. 26v, vv. 1-2: Principe il regio, e militare aspetto 22276

f. 27r, vv. 1-2: Bella sovra ogni, bel ch'orna e colora 22277

f. 27v, vv. 1-2: O Rami d'alti regi 22278

f. 28r, vv. 1-2: Dive l'altose celesti 22279

f. 28v, vv. 1-2: Signor che a Milan parti per l'Hispano 22280

f. 29r, vv. 1-2: Viva fiamma d'honor, candido tempio 22281

f. 29v, vv. 1-2: Placida di pensier, d'alma, e di mente 22282

f. 30r, vv. 1-2: De la gran casa D'Oria alta Colonna 22283

f. 30v, vv. 1-2: Placidi a Carlo Dori adunque il core 22284

f. 31r, vv. 1-2: Quanto in amando unico s'appaga 22285

f. 31v, vv. 1-2: Sposa di duce valoroso, e degno 22286

f. 32r, vv. 1-2: Poscia che in ciel cinto hebbe alti splendori 22287

f. 32v, vv. 1-2: O musa tù che già ti desti vanto 22288

f. 33r, vv. 1-2: Voi belle che adornaste, e Cipro, e Delo 22289

f. 33v, vv. 1-2: Div'opre, alti pensier costumi santi 22290

f. 34r, vv. 1-2: Lucida alteramente han fatto egregi 22291

f. 34v, vv. 1-2: Non la bella Reina, e Donna altera 22292

f. 35r, vv. 1-2: Di Rege invitto la cui giusta mano 22293

f. 35v, vv. 1-2: Splendor d'Illustre, antica stirpe e raggio 22294

f. 36r, vv. 1-2: D'alto valor, di splendidezza adorno 22295

f. 36v, vv. 1-2: Degni nipoti al D'Oria Illustre e alteri 22296

f. 37r, vv. 1-2: D'Apollo risonar gli alborghi aurati 22297

f. 37v, vv. 1-2: Ángel terreno che te'n poggi al chiaro 22298

f. 38r, vv. 1-2: Valle ch'avanzi i più superbi colli 22299

f. 39r, vv. 1-2: Mentre si stava l'alma mia d'immenso 22300

f. 55v, vv. 1-2: Fura e chiude qual merce alto e tremedo 22301

f. 56r, vv. 1-2: Barbaro, crudo, infido, avaro e insano 22302

f. 2v: In Genova al primo di febraro MDIC

Foliación moderna a lápiz; en bl. f. 1v, 56v

Port. en capitales de distintos moldes en tinta negra y dorado y en minúsculas; debajo escudo del archiduque Alberto pintado a la acuarela y pan de oro

There are no comments for this item.

Log in to your account to post a comment.